Visita al 20° Festival a Chaumont sur Loire

Chaumont è meta prioritaria per gli appassionati dell’Arte dei Giardini, per il suo Centro di Arte e Natura, ed il famoso Concorso Internazionale indetto annualmente, che vede nelle tematiche proposte un punto di alta ricerca e qualità per creatività progettuale e abilità tecnica in fase realizzativa.
Il tema proposto quest’anno è “GIARDINI DELL’AVVENIRE O LA GIOIOSA ARTE DELLA BIODIVERSITA'”, e la prestigiosa giuria ha selezionato tra numerosi progetti pervenuti da tutto il mondo 20 progetti, che sono stati realizzati.
In questa edizione del Concorso è stato selezionato un unico team italiano, composto dall’architetto Matteo Pernigo e dal paesaggista Claudio Benna, soci padovani dello studio    panGEA progetti.
“Le jardin pixelisé”, questo il progetto del giardino, realizzato con la collaborazione della Ditta F.lli Berti di Cervarese S. Croce.
E’ un giardino innovativo, dove la tematica del futuro viene svolta attraverso il riferimento alla velocissima evoluzione della tecnologia che ci propone immagini a definizione crescente.
Il pixel, questo atomo fondante della contemporaneità e matrice del futuro, viene concretizzato da un’ampia e diversificata scelta di essenze che esprimono con colori e forme la biodiversità.
Il riferimento ad un futuro sostenibile è dato dalla scelta di materiali di riciclo: per i contenitori delle piante nella vasca centrale si propongono bidoni in lamiera recuperati, per la pavimentazione dei percorsi si sceglie la gomma rigenerata di pneumatici, per i pixel contenitori di piante si utilizzano lamiere in acciaio riciclato.
La volontà di intraprendere un percorso a basso impatto è ben indicata dall’uso di energie rinnovabili per il riciclo dell’acqua della vasca centrale, risorsa preziosa e insostituibile, con i quattro mulini a vento.